SICUREZZA SUL LAVORO

il giudice può decidere autonomamente indipendentemente dalle testimonianze delle parti


In materia di sicurezza e infortuni sul lavoro, la Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 2209 pubblicata il 4 febbraio 2016, ha sancito la legittimità della decisione del giudice che ha ricostruito autonomamente l'accaduto e individuato il responsabile dell'infortunio occorso al lavoratore nel datore di lavoro dello stesso, al di là delle testimonianze rese dalle parti in causa che invece imputavano al dipendente la colpa per l'infortunio.


I giudici della Corte Suprema hanno così cassato con rinvio la sentenza di secondo grado che accoglieva la tesi avversa al lavoratore, affermando la responsabilità del datore di lavoro per l'infortunio "sia quando ometta di adottare le idonee misure protettive, sia quando non accerti e vigili che di queste misure venga fatto effettivamente uso da parte dei dipendenti".

CeSeC Firenze

Via de' Ginori, 16 - 50129 Firenze

Orario di apertura:

Dal lunedì al venerdì,
dalle ore 8.30 alle 13.00
dalle ore 14.00 alle 17.30

Tel.: 055 21 30 29

Fax: 055 23 961 47